Alito Cattivo Cause e Rimedi: Scopri Alito Fresco Capsule per Combattere l’Alitosi

L’alitosi è un problema che qualora persista, può creare seri problemi sociali a chi ne soffre.Vedere gli interlocutori tenersi a distanza di “sicurezza”, magari coprendosi la bocca con la mano per limitare gli effluvi che li investono, non è una cosa piacevole. Oppure essendo consapevole del proprio problema, è il portatore stesso a tenersi a distanza e parlare con la mano davanti alla bocca. I nomignoli che poi vengono affibbiati a chi sfortunatamente soffre di alitosi, sono impietosi: “il drago”, “il vento che uccide”, “cloaca massima”, ecc. E’ una vera e propria patologia, che se non risolta, alla lunga può portare all’emarginazione.

Le cause possono essere diverse, dalla cattiva igiene orale ad alcune malattie come il diabete o l’insufficienza epatica. Intanto vorrei sfatare un mito, nessun odore proviene dallo stomaco, essendo questo isolato dal cardias, un muscolo che contraendosi lo tiene chiuso. Il cardias è una valvola che si apre solo durante il transito del cibo, oppure quando avviene un reflusso gastrico. Solo in quel caso, il tipico odore di acido proviene dallo stomaco. Mentre la classica puzza di aglio o cipolla, è dovuto ai radicali sulfidrici presenti nelle “Liliacee”, una volta entrati nel circolo ematico.

Quando il sangue arriva agli alveoli bronchiali, cioè nei polmoni per rilasciare anidride carbonica e catturare ossigeno, attraverso la respirazione l’organismo emana l’odore della sostanza che si presenta disciolta nel plasma sanguigno e che vi rimane per 36 ore circa. Anche l’odore di acetone che in alcuni momenti accompagna l’espirazione dei diabetici, proviene dai polmoni ed è dovuto alla presenza di acido acetico nel sangue. In questi casi non c’è altra soluzione se non coprire lo sgradevole odore con pasticche fortemente aromatizzate, da sciogliere in bocca (caramelle specifiche, chewing gum o appositi spray).

Se soffri di alito cattivo e hai già provveduto a migliorare la tua igiene orale senza ottenere il risultato sperato, puoi usare “Alito Fresco in Capsule“, una specialità messa a punto da un’ Università inglese, la “The Imperial College of Science, Technology and Medicine of London”. E’ una miscela di estratti naturali in parte aromatici, con l’aggiunta di una componente terapeutica. Alito Fresco può essere tranquillamente utilizzato in qualunque ora del giorno o della notte, senza rischio di effetti collaterali, sovraddosaggi o reazioni avverse. In diversi dosaggi e concentrazioni, gli estratti officinali presenti nelle capsule sono:

  • Rosmarino: un antibiotico naturale, contrasta i batteri del cavo orale e della gola, che sono la causa più comune di alitosi;
  • Cumino: digestivo e antiacido;
  • CVitrus Aurantium: i suoi olii essenziali hanno proprietà batteriostatiche;
  • Chiodi di garofano: è un potente disinfettante;
  • Eucalipto: dona freschezza alla bocca, rilasciando il classico profumo che copre in parte gli sgradevoli odori, altrimenti non contrastabili, dovuti ad eventuali malattie organiche;
  • Finocchio: depurativo, digestivo e antiacido;
  • Anice: dal gradevole odore, favorisce la digestione e attenua la tensione addominale, che spesso è causa di reflussi gastro esofagei;
  • Salvia: è un antibiotico battericida. In sinergia con altri componenti, contribuisce alla disinfezione della bocca. Disciolti nella saliva, questi componenti raggiungono particolari distretti, dove il normale spazzolino non può arrivare, come la cavità di un dente cariato o una sacca gengivale.Non lasciarti condizionare.
alito fresco

alito fresco

Se hai un problema di alitosi, non attendere oltre, prova “Alito Fresco”! I tuoi amici e il/la tuo/a partner ti ringrazieranno. Tu hai bisogno di loro, ma anche loro hanno bisogno di te, non lasciare che un problema di alito vi divida.

Leave a Reply