Essenzia Pro Green by SiQuri Estrattore di Succo a Freddo

Tutto ha avuto inizio nel 2014 quando Essenzia Red decise di affacciarsi sul panorama europeo andando a presentare una nuova generazione di estrattori di succhi che sfruttassero le basse velocità. Da allora sono cambiate davvero tantissime cose, soprattutto in termini di tecnologie. E’ certo però che un oggetto come Essenzia Pro Green, ancora oggi, riesce a mantenere 40 giri al minuto portando a termine il processo di estrazione senza alcun tipo di problema. Chiaramente quando parliamo di giri facciamo riferimento non tanto alle prestazioni di un accessorio, ma bensì alla conservazione delle caratteristiche nutrizionali degli ingredienti. I giri infatti sono legati alla lentezza con cui avviene il movimento toroidale dell’estrattore che agisce, a seconda della velocità. Da un lato attiva degli enzimi e dall’altro aumenta o diminuisce i tempi dell’ossidazione. E con le basse velocità quest’ultima viene completamente evitata.

Con questo estrattore di succhi, commercializzato dal febbraio 2017, si ha la sensazione fin dal primo utilizzo di trovarsi di fronte a un oggetto semiprofessionale. Si sviluppa prevalentemente in verticale, per poter così trovare la giusta collocazione in un vasto numero di piani di cucina. Proprio per questo siamo stati incuriositi e abbiamo scelto di recensirlo dopo la nostra fase di test.

Facile da montare, pratico sa usare

Appena ricevuto notiamo che è incredibilmente facile da montare: prevede infatti pochi pezzi da unire insieme in modo intuitivo. Abbiamo il corpo dell’estrattore ben solido davanti a noi: ti basterà quindi montare la brocca, inserire la coclea 3 in 1 e infine posizionare il coperchio. I due recipienti andranno posti sotto il beccuccio della polpa e sotto l’uscita del succo. Anche grazie alla facilità di montaggio è stato eletto il miglior estrattore del 2017. Ricordiamo che misura appena 42,60 cm x 17,70 cm x 15 cm.

essenzia pro green

essenzia pro green

Per offrirti massima esperienza in fase di estrazione, oltre a una totale sicurezza, l’azienda ha voluto puntare su materiali di altissima qualità, che sanno essere soprattutto resistenti. Per questo oltre ai 32 giri al minuto, saprai di poter contare su un estrattore elegante, con un motore in acciaio di ultima generazione che riesce a conservare le proprietà di frutta e verdura lavorazione dopo lavorazione. Il succo sarà ricco di gusto, profumo e sapore intenso: proprio per questo è un ottimo alleato non solo per gli adulti, ma soprattutto per aiutare i bambini a consumare merende sane. Infine, grazie al sistema EasyLock, viene velocizzata la pulizia al termine di ogni sessione di spremitura, o meglio di estrazione.

 

Come si diventa un estrattore di terza generazione?

L’estrattore Essenzia Pro Green ha ottenuto massimo riconoscimento del suo prestigio grazie al suo concept. Ha un solo elemento di spremitura che lo ha reso il primo estrattore di terza generazione. Coclea, filtro e cestello lavorano insieme per offrirti una qualità organolettica che è sempre superiore alla media. Da quanto Essenzia ha proposto sul mercato i modelli Green, ha cercato di puntare su un rinnovamento estetico e strutturale. In primo luogo ha scelto di dire addio a circa 2,5 kg di 2 plastica su scocca e componenti; al tempo stesso è passata all’uso del Tritan, che è noto per essere un materiale ancora più sicuro in fase di costruzione.

A livello di funzionalità è stato poi introdotto il sistema EasyLock che, come accennato in precedenza, viene pensato per facilitare il lavoro di chiunque voglia acquistare questo estrattore. La fase di pulizia può spesso essere spiacevole e noiosa da portare a termine, e allora perché non facilitarla per il bene degli utenti? Con una semplice rotazione si può smontare il filtro per poi rimuoverlo o sostituirlo.

Risultati ottenuti in fase di test

Quello che abbiamo scoperto durante la prova effettuata con l’estrattore Essenzia Pro Green ci porta a promuovere le funzionalità di questo accessorio. Non solo lavora a freddo, in modo attento e lento, ma soprattutto non sfrutta le lame. Non si crea quindi attrito, non si rovinano frutta e verdura inserite e soprattutto non si rischia mai di perdere i nutrienti degli ingredienti scelti. Una volta assaggiati i succhi preparati, abbiamo notato una totale pienezza di gusto che raramente è capitato di assaggiare.

Il consiglio che possiamo darvi è quello di tagliare le verdure più fibrose prima di inserirle: per esempio sedano, carciofo, finocchi, gambi degli asparagi e zenzero, In questo modo permetterete agli scarti  di essere espulsi in modo più facile, senza intoppi. La frutta invece è bene lavarla attentamente e sbucciarla, soprattutto se usi ingredienti come agrumi e albicocche. Discorso analogo per le carote.

Ricorda anche che potrai usare questo estrattore non solo per preparare succhi, ma anche per ricette più elaborate da servire alla tua famiglia: un esempio? Prova il latte vegetale o prepara condimenti specifici come per esempio salse gustose. Gli scarti ottenuti sono ottimi per poterti favorire ulteriori ricette e preparazioni, come per esempio insaporire zuppe tipicamente invernali. C’è solo l’imbarazzo della scelta!

Leave a Reply